venti-chili-di-droga-nel-pied-a-terre-di-cagliari:-in-cella-un-impiegato-della-difesa-e-un-ambulante

Venti chili di droga nel pied à terre di Cagliari: in cella un impiegato della Difesa e un ambulante

CAGLIARI. In possesso di 20 chili di hascisc, sono stati arrestati nella tarda serata di ieri 23 giugno dagli uomini della Squadra Mobile un impiegato di 42 anni e un ambulante di 33, entrambi di Cagliari. Immesso nel mercato dello spaccio, lo stupefacente avrebbe fruttato 200mila euro. I “Falchi” della Squadra Mobile hanno raccolto informazioni sull’attività di spaccio durante la movida in città e, dopo diversi appostamenti, hanno individuato, in via Bragadin, un appartamento affittato da un rivenditore ambulante, che era utilizzato come “magazzino” di stoccaggio dello stupefacente.

Il blitz della mobile è scattato ieri sera, quando l’uomo di 42 anni, dipendente civile del Ministero della Difesa, è arrivato nell’abitazione di via Bragadin a bordo di un veicolo di grossa cilindrata, è entrato nel cortile condominiale e ha consegnato all’ambulante un borsone rosso, ricevendo in cambio un panetto di hashish preso dal borsone. Quando l’ambulante è entrato nel suo appartamento, mentre l’altro uomo si allontanava, gli agenti sono intervenuti e hanno arrestato i due. Nel borsone sono stati rinvenuti 200 panetti di hascisc. I panetti erano sigillati uno per uno nel cellophane, avvolti con una carta bianca e contrassegnati da quattro sigle, che indicavano la diversa qualità dello stupefacente.

La droga sequestrata, una volta suddivisa in dosi, avrebbe alimentato la movida di Cagliari e avrebbe avuto un valore di mercato di oltre 200 mila euro, circa 10 euro a dose. Gli arrestati sono stati indagati per il reato di traffico di stupefacenti e condotti nel carcere di Uta. Per l’ingente quantitativo di droga detenuta, i due rischiano sino a venti anni di reclusione e sino a 260 mila euro di multa.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *