vaccini,-prosegue-la-campagna-e-tanti-pronti-per-la-seconda-dose-eterologa.-“richiamo-con-prodotto-diverso?-nessun-problema”

Vaccini, prosegue la campagna e tanti pronti per la seconda dose eterologa. “Richiamo con prodotto diverso? Nessun problema”

Vaccini, prosegue la campagna e tanti pronti per la seconda dose eterologa. “Richiamo con prodotto diverso? Nessun problema”

Prosegue la campagna vaccinale. Tanti in attesa della seconda dose eterologa. E non mancano i dubbi.

Prosegue la somministrazione delle seconde dosi dei vaccini, in Italia e in Sardegna. Questa mattina, nell’hub rosso della Fiera di Cagliari, sono stati 80 i docenti che hanno effettuato il richiamo con il vaccino Pfizer e oltre 200 saranno invece quelli programmati per il pomeriggio.

Tanti i dubbi, dopo la sospensione del vaccino AstraZeneca per gli under 60 da parte del Cts, sulla seconda dose con un prodotto diverso. Come riportato da Adnkronos, ecco le parole del farmacologo Silvio Garattini, dell’istituto Mario Negri. “Uno studio inglese e uno spagnolo indicano che dopo la prima somministrazione si può fare un vaccino a Rna messaggero, ottenendo un buon risultato dal punto di vista della risposta anticorpale. A livello di sicurezza non c’è problema. D’altra parte non ci sono ragioni teoriche per pensare che non si possano usare due vaccini diversi” (ADNKRONOS).

Nessun problema quindi per tutti coloro che nei prossimi giorni hanno già l’appuntamento per la seconda dose: senza alcun bisogno di richiamare o riprenotare, potranno tranquillamente presentarsi all’hub nel giorno e nell’orario già prestabilito per ricevere il vaccino.

In Sardegna, nel frattempo, sono stati richiamati quasi tutti i cento cittadini che sabato scorso dovevano effettuare il richiamo e che hanno subito un posticipo.

Sul fronte approvvigionamenti, invece, in arrivo per oggi 9700 dosi Moderna, mentre 70 mila dosi del vaccino Pfizer sono attese per mercoledì.



Da quanto si apprende, i due sono scivolati da un sentiero del parco, cadendo da un’altezza di una decina di metri e sono finiti nell’acqua ghiacciata del bacino.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *