transgender,-il-primo-studio-italiano-per-valutare-la-loro-salute-fisica-e-psicologica

Transgender, il primo studio italiano per valutare la loro salute fisica e psicologica

Transgender, il primo studio italiano per valutare la loro salute fisica e psicologica Transgender, il primo studio italiano per valutare la loro salute fisica e psicologica

Per l’indagine, patrocinata dall’Istituto Superiore di Sanità, è stato somministrato un questionario a quasi mille persone

In Italia ci sono circa 500 mila transgender, e ogni anno il loro numero è in aumento del 6-7%. È una stima dell’endocrinologo Francesco Lombardo, responsabile dell’ambulatorio del Policlinico Umberto I che si occupa della transizione di genere, e che è uno dei sette centri specializzati (oltre al Policlinico di Roma, ai centri di Firenze, Bologna, Napoli, Torino, Trieste e a un centro in Sardegna) ad avere partecipato al primo studio italiano mirato a valutare l’impatto psicologico e sanitario delle persone transgender.

Per l’indagine, patrocinata dall’Istituto Superiore di Sanità, sono stati somministrati questionari a circa un migliaio di transgender.

«L’aumento delle persone trans ci ha portato a dover aggiungere un giorno di visite nel nostro ambulatorio per evadere le richieste», spiega Francesco Lombardo, che ha più trent’anni di esperienza di cura, dal punto di vista dell’endocrinologia, delle persone transgender. «Oltre all’aumento in generale dobbiamo rilevare anche l’aumento delle persone che fanno una transizione gender da femmina a maschio. Fino a tre o quattro anni fa il rapporto tra transgender maschi- femmina e quelli femmina- maschio era di 7 a 3, oggi sono arrivati ad essere alla pari».

La transizione di ormoni, che oggi in Italia è a carico del Servizio sanitario nazionale, deve essere autorizzata dopo un esame di vista psicologico. «A Roma il via libera ci arriva dalla Saifip, dell’ospedale San Camillo. Dopo questo via libera è bene che non si dilatino troppo i tempi: la disforia di genere è fonte di una sofferenza importante nelle loro condizioni», aggiunge ancora Francesco Lombardo. «Il fatto è che mentre in Parlamento si tratta in teoria la questione di genere, noi la viviamo ogni giorno sulla pelle di persone fisiche».

LEGGI ANCHE

Gina Chua, prima transgender ai vertici della Reuters: «Vorrei essere un esempio»

LEGGI ANCHE

Identità di genere, sempre più adolescenti chiedono di cambiare sesso

LEGGI ANCHE

Piccolo Uovo, le famiglie diventano un cartone animato

LEGGI ANCHE

Serie tv, «Butterfly»: è ora di parlare dei bambini transgender

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *