test-corso-di-laurea-infermieri-lecce:-tutto-da-rifare,-dati-quiz-della-magistrale.

Test Corso di Laurea Infermieri Lecce: tutto da rifare, dati quiz della Magistrale.

È tutto da rifare il test di ingresso al Corso di Laurea in Infermieristica presso l’Università di Lecce. Consegnati Test Magistrale.

Saltata a Lecce ieri mattina la prova di ammissione al Corso di Laurea Triennale in Infermieristiche perché le domande contenute nel plico inviato dal Consorzio inter-Universitario Cineca erano quelle destinate alla selezione per la Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche.

L’errore, a quanto si è capito, è emerso al momento dell’apertura della busta tra l’incredulità della stessa commissione esaminatrice e dei 296 candidati, per 75 posti, provenienti anche dalle province di Brindisi e Taranto, e che loro malgrado hanno dovuto fare dietro front e tornare a casa, in attesa che sul sito dell’Università venga pubblicata la nuova data del test di ammissione.

Su quanto accaduto si registra l’intervento dell’Unione degli Universitari di Lecce: «Centinaia di partecipanti si sono trovati con nulla in mano dopo diverse ore passate ad attendere, viaggi più o meno lunghi per giungere fisicamente sul posto e più in generale dopo diverso tempo speso nella preparazione di un test che ancora, purtroppo, vincola l’accesso ad un Corso di Laurea sulla base di crocette, impedendo il libero accesso all’istruzione». Delusione. è questo il sentimento che pervade gli studenti e le studentesse che affermano: «Ci hanno fatto attendere per più di 3 ore al caldo per poi annullarci la prova dopo appena 30 minuti», ma non solo evidenziano gli Studenti Indipendenti di Lecce, rendendo pubblica la testimonianza di M. M.: «Sono venuta con una bambina di otto mesi che ancora allatta e non potevo lasciarla sola con i nonni tante ore, abbiamo subito quello stress sotto il sole per poi dover tornare a casa, a mezz’ora d’auto, senza aver svolto il test».

«Oltre che estremamente frustrante per i partecipanti in sé – denuncia l’Udu Lecce – l’evento è la dimostrazione di un episodio di negligenza procedurale dalle conseguenze gravissime: infatti, il test somministrato per errore appartiene alla prova d’accesso per il corso magistrale di Infermieristica, prova che si sarebbe dovuta tenere il 28 di questo mese. In questo episodio il diritto allo studio è stato leso due volte, innanzitutto dall’esistenza del test in sé, e inoltre dall’inefficienza della procedura».

E non è tutto. “Ci hanno fatto accomodare e quando ci hanno consegnato i plichi ci siamo subito accorti dell’errore e lo abbiamo denunciato alla commissione che, non sapendo che fare, ci ha fatto procedere con la compilazione dei quiz, pur essendo sbagliati. Poi dopo 35 minuti è arrivato il contrordine e ci hanno fatto riconsegnare tutto, rimandando la prova a data da destinarsi” – a riferirlo uno dei candidati.

“Si tratta di una gravissima illegittimità – spiegano gli avvocati Francesco Leone, Simona Fell, Floriana Barbata e Chiara Campanelli dello studio legale Leone – Fell & C. – poiché il test è unico per tutte le sedi. E sappiamo bene quanto lavoro ci sia dietro alla preparazione per un test d’accesso e sottoporre questi ragazzi a un’ulteriore prova è davvero impensabile”.

I legali hanno presentato apposita denuncia. Era accaduta la stessa cosa a Firenze nel 2017 al corso in Biotecnologie, Scienze Biologiche, Scienze Farmaceutiche applicate, Chimica e Farmacia che si erano presentati al test ma a cui avevano somministrato una prova errata.

“Riteniamo che si possa procedere allo stesso modo. Per tale ragione procederemo a inviare per conto dei ragazzi di Lecce una diffida gratuita per chiedere al Ministero di procedere con l’immatricolazione, affinché non siano sempre gli studenti a pagare le colpe di chi ha commesso l’errore” – concludono i legali.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.