sulky-jazz-2021:-sant’antioco-e-palcoscenico-del-jazz-internazionale

Sulky Jazz 2021: Sant’Antioco è palcoscenico del Jazz Internazionale

Sant’Antioco, 21 luglio 2021 – Per gli amanti del jazz la destinazione per l’estate 2021 sarà Sant’Antioco. La suggestiva isola vulcanica, con le sue case colorate, le scogliere e le spiagge bandiera blu, come Maladroxia, celebra le sere d’estate con un tributo musicale di grande effetto e un fitto calendario di eventi fino al 3 settembre.

Il festival Sulky Jazz, terza edizione. Già molto apprezzato dal pubblico nelle sue due precedenti edizioni, il Festival è stato voluto dall’Amministrazione di Sant’Antioco e organizzato con la collaborazione dell’Associazione Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo.

Roberta Serrenti, assessore alla Cultura del Comune di Sant’Antioco. “Sulky è una manifestazione di grande livello e un appuntamento atteso dai cittadini e dai nostri ospiti, che si rinnova negli scorci più suggestivi della nostra isola. E’ il connubio della buona musica con il fascino delle nostre spiagge: momento culturale ed esperienza introvabile altrove e irrinunciabile. Contiamo sicuramente di proseguire con questo appuntamento estivo, rendendolo sempre più suggestivo e caratterizzante della nostra offerta culturale”.

Sabato 24 luglio ore 21,30 Guappecartò, spiaggia Cala Sapone. Guappecartò (les tziganes Italiens) possiedono uno straordinario “ensemble strumentale”, composto da cinque musicisti italiani, da 14 anni residenti a Parigi, che con le loro composizioni originali hanno conquistato ovunque un consenso crescente di rarissima trasversalità. Adorati dai classici, dai jazzisti, dal mondo del rock e da quello del pop, dal pubblico con poche affinità con la musica e dai media più competenti, dai registi, dagli attori, dai danzatori. Un esempio straordinario di quanto la musica di qualità possa arrivare a tutti. Il loro è un concerto che mischia i generi del mondo con l’attitudine rock e gitana, esecuzioni impeccabili con innumerevoli stati emozionali, che lega la geniale libertà compositiva al carisma della “grande scuola della strada” e che unisce, magicamente, tradizione e modernità.

Leggi altre notizie su www.cagliaripad.it

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *