selvaggia-lucarelli:-polemica-su-astrazeneca

Selvaggia Lucarelli: polemica su AstraZeneca

Mentre in queste ore si continua a discutere sulla possibilità di fermare la somministrazione di AstraZeneca agli under 50 anche Selvaggia Lucarelli ha voluto dire la sua, schierandosi contro i “vaccinisti che non sentono ragioni”.

Schermata 2021-04-12 alle 15.02.15

Sin dall’inizio della pandemia Selvaggia Lucarelli è stata una delle prime a sperare nel vaccino, che considerava l’unica soluzione di fronte alla pandemia che ha colpito tutto il mondo.

La donna, infatti, si è sempre scagliata contro negazionisti e no-vax, portando avanti una vera e propria battaglia sui suoi social per “denunciarli” e per denunciare chi, nonostante la situazione, continuava a rischiare e fare festini privati, eventi e assembramenti vari.

Oggi, però, la donna ha deciso di dire la sua in merito alla questione riguardante AstraZeneca, la cui somministrazione ai più giovani in queste ore è molto discussa.


Leggi anche: Massimo Giletti e Selvaggia Lucarelli, è guerra : “Gira le palette a Ballando”


Selvaggia Lucarelli: cosa pensa di AstraZeneca?

Schermata 2021-06-10 alle 15.56.47

Con grafici e dati alla mano Selvaggia Lucarelli ha voluto dire la sua sul vaccino AstraZeneca, la cui somministrazione, a quanto pare, potrebbe essere stoppata nei soggetti con meno di 50 anni.

“Non credo di doverlo ricordare ma sono pro-vaccini da sempre. Come però detesto i no-vax integralisti non sopporto neppure i vaccinisti che non sentono ragioni“.

ha infatti scritto la giornalista, che portando i dati forniti da Ema e alcuni studi come prova, ha fatto notare come secondo alcune ipotesi il vaccino Astrazeneca sarebbe raccomandato a persone con più di 50/60 anni.

“E in effetti, questa era la raccomandazione base. Non so perché poi si siano aperti open day Astrazeneca a giovanissimi e in effetti è qualcosa su cui non avevo riflettuto. Probabilmente era per smaltire le dosi di un vaccino non proprio amatissimo e per correre con le vaccinazioni”.

ha continuato la Lucarelli che, poi, ha spezzato una lancia a favore dello stop della somministrazione di questo farmaco ai più giovani.

“I casi avversi sono rarissimi, è vero, ma in una situazione di scarsa circolazione del virus e di disponibilità di altri vaccini non ha alcun senso rischiare anche solo 1/2 reazioni avverse (coaguli di sangue) ogni 100 000 giovani vaccinati“.


Potrebbe interessarti: Selvaggia Lucarelli insultata da Antonella Mosetti, scatta la denuncia


ha spiegato la donna, sostenendo che secondo lei “il costo supera il beneficio, visto che tra i giovanissimi di COVID non muore neppure 1 persona su 100 000“.

Selvaggia ha parlato di prudenza e buon senso e ha sottolineato che fare questo discorso non è dare ragione ai no-vax; anzi…

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *