sciopero-del-sesso-contro-gli-uomini-che-mangiano-carne:-la-proposta-della-peta

Sciopero del sesso contro gli uomini che mangiano carne: la proposta della Peta

Per cena hai ordinato una costata al sangue? Hai organizzato un barbecue con gli amici questa domenica? Allora mi dispiace per te, ma niente sesso. Almeno è questa la proposta della Peta, la celebre associazione animalista americana, che ha lanciato uno sciopero del sesso contro gli uomini che ancora mangiano carne

Un tema sicuramente di attualità, quello della necessità di ridimensionare il consumo di proteine animali, soprattutto nei paesi anglosassoni, che però questa volta viene trattato con un filo di sessismo di troppo, come se i colpevoli fossero solo i maschi alfa di tutto il mondo. D’altronde, dice la Peta, «li conosciamo tutti: gli uomini con le bottiglie di birra in mano, che brandiscono le pinze mentre cucinano salsicce sulle loro costose griglie a gas».

Contro questi «maestri del barbecue» che «credono di poter dimostrare la loro mascolinità a se stessi e ai loro simili attraverso il consumo di carne», funziona solo una cosa: farli andare in bianco sotto le coperte. 

Insomma, per chi non sa rinunciare ai piaceri della carne a tavola, la proposta della Peta è di togliere anche i piaceri della carne a letto. L’organizzazione è infatti convinta che il problema sia prevalentemente maschile. «Uno studio pubblicato sulla rivista Plos One ha rilevato che gli uomini contribuiscono in modo significativamente maggiore alla catastrofe climatica rispetto alle donne, principalmente attraverso il consumo di carne», dice l’annuncio dello sciopero del sesso pubblicato sul sito della Peta. E se c’è una cosa che fa leva sugli uomini di tutto il mondo – sottintende l’associazione animalista – quella è il sesso. 

Ecco così l’idea di uno sciopero del sesso nei confronti degli uomini carnivori per convincerli a diventare vegani. E se non si convincono, la coppia rimane a bocca asciutta: perché le donne non solo non sono carnivore ma, per la Peta, sembrano pure disinteressate all’argomento sesso, tanto da poterlo usare come semplice moneta di scambio. 

Altri articoli di Vanity Fair che potrebbero interessarti:

I migliori ristoranti vegetariani a Milano

Menu vegetariani al ristorante: cinque da provare per un settembre detox

I migliori ristoranti vegetariani in Italia: ecco i locali da non perdere

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.