ponte-sullo-stretto,-giammanco:-“costa-4-miliardi,-la-sicilia-ora-ne-paga-6-l'anno-per-l'insularita”

Ponte sullo Stretto, Giammanco: “costa 4 miliardi, la Sicilia ora ne paga 6 l'anno per l'insularità”

ponte sullo stretto di messina Foto di Projectmate / Ansa

Gabriella Giammanco parla di Ponte sullo Stretto: “sarebbe anche un’attrattiva turistica. Penso al ponte Akashi, uno dei più lunghi del mondo, spettacolare a vedersi, in cui i turisti pagano il biglietto per vederlo. Il nostro ponte non solo agevolerebbe la logistica degli spostamenti ma sarebbe un’attrattiva per i visitatori di tutto il mondo”

Gabriella Giammanco, candidata di Forza Italia alla Camera nel collegio uninominale di Palermo-Settacannoli, ha parlato di Ponte sullo Stretto a L’Identità: “in questi anni è mancata solo la volontà politica, nient’altro. Il benaltrismo ha paralizzato le opere strategiche per la modernizzazione del Paese tra cui il Ponte, che serve a collegare la Sicilia non alla Calabria ma all’Europa. Andrebbe, infatti, a completare il corridoio Berlino-Palermo e la nostra Isola diventerebbe piattaforma strategica nel Mediterraneo. Per non parlare del fatto che, considerato il paesaggio, il ponte sarebbe anche un’attrattiva turistica. Penso al ponte Akashi, uno dei più lunghi del mondo, spettacolare a vedersi, in cui i turisti pagano il biglietto per vederlo. Il nostro ponte non solo agevolerebbe la logistica degli spostamenti ma sarebbe un’attrattiva per i visitatori di tutto il mondo”.

A che punto è il progetto? Giammanco rivela che è “già cantierabile. La realizzazione del Ponte costerebbe allo Stato 4 miliardi. I siciliani ne pagano 6 all’anno per l’insularità e tutti i disagi che ne conseguono. Chinnici dice che prima serve migliorare strade e ferrovie? Le due cose non si escludono, anzi. Il Ponte sarebbe un volano di nuove opportunità e porterebbe anche alla realizzazione dell’Alta velocità in Sicilia. Ripeto: il benaltrismo e la politica dei no in questi anni non hanno fatto altro che bloccare il Paese, anziché renderlo più competitivo. Senza contare che solo i cantieri per la sua realizzazione creerebbero oltre 100 mila nuovi posti di lavoro”.


Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.