pd,-ecco-i-candidati:-c'e-il-virologo-crisanti,-non-monica-cirinna

Pd, ecco i candidati: c'è il virologo Crisanti, non Monica Cirinnà

Meno posti, per la riforma del Parlamento, e meno voti secondo i sondaggi. Il Centrosinistra cerca la quadra sui candidati da presentare alle elezioni politiche del 25 settembre e lo fa evidentemente con fatiche e polemiche. La direzione del Pd, convocata a tarda sera nel giorno di Ferragosto dal segretario Enrico Letta, ha approvato la delibera per la votazione delle liste con 3 contrari e 5 astenuti. «Chiesto sacrifici, impossibile ricandidare tutti» ha detto il segretario Dem.

Letta sarà il capolista alla Camera per Lombardia e Veneto, Carlo Cottarelli capolista al Senato a Milano, il virologo Andrea Crisanti capolista nella circoscrizione Europa. Ci sono quattro giovani under 35 capolista: Rachele Scarpa, Cristina Cerroni, Raffaele La Regina, Marco Sarracino.

Clamorosa l’esclusione in Toscana di Luca Lotti che attacca parlando di scelta politica. Monica Cirinnà ha scelto di fare un passo indietro: : «Mi hanno proposto un collegio elettorale perdente in due sondaggi, sono territori inidonei ai miei temi e con un forte radicamento della destra. Evidentemente per il Pd si può andare in Parlamento senza di me, è una scelta legittima. Resto nel partito, sono una donna di sinistra ma per fortuna ho altri lavori».

Ha detto che rinuncerà anche il costituzionalista Stefano Ceccanti, candidato al proporzionale in Toscana al quarto posto, una elezione di fatto impossibile. Alla votazione non hanno partecipato i componenti di Base riformista, la corrente guidata dal ministro della Difesa Lorenzo Guerini e dall’ex ministro Luca Lotti.

Nel plurinominale di Torino1 la capolista sarà Deborah Serracchiani, esponente del Pd nazionale, seguita in seconda posizione dall’uscente deputato torinese Mauro Laus e in terza posizione dalla modenese Maria Cecilia Guerra. Sul collegio plurinominale di Torino 2 c’è l’ex ct del volley Mauro Berruto. Al Senato c’è l’uscente vicepresidente del Senato, Anna Rossomando e l’ex ministro Beatrice Lorenzin.

Confermato Pier Ferdinando Casini nel collegio di Bologna dove fu candidato anche nel 2018 dal Pd di Renzi al Senato. Tre i collegi uninominali della Camera dove correranno l’ex sindaco Virginio Merola, il parlamentare uscente Andrea De Maria e il coportavoce di Europa Verde Angelo Bonelli. Alla Camera nel listino proporzionale la capolista indipendente è Elly Schlein.

Altre storie di Vanity Fair che ti possono interessare:

Il ddl Zan torna in Parlamento: può diventare legge? 

Mina Welby e l’umanità del Cardinale Matteo Zuppi

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.