pazienti-paralizzati-riescono-a-muovere-la-sedia-a-rotelle-col-pensiero

Pazienti paralizzati riescono a muovere la sedia a rotelle col pensiero

Pazienti paralizzati riescono a muovere la sedia a rotelle col pensiero

Pazienti paralizzati riescono a muovere la sedia a rotelle col pensiero (foto Ansa)

Una persona paralizzata può spostarsi con una sedia a rotelle che si muove col pensiero. La dimostrazione arriva da uno studio pubblicato sulla rivista iScience, con un gruppo di pazienti tetraplegici che sono stati in grado di far funzionare le sedie a rotelle controllate col pensiero in un ambiente naturale e disordinato dopo essersi allenati per un lungo periodo.

Lo studio

Lo studio è stato condotto da José del R. Millán, presso la University of Texas di Austin. “La nostra ricerca evidenzia un potenziale percorso per migliorare l’uso clinico della tecnologia di interfaccia cervello-macchina non invasiva”, spiega Millán che ha coinvolto tre persone tetraplegiche che sono state sottoposte a sessioni di addestramento tre volte alla settimana per un periodo compreso tra i 2 e i 5 mesi.

I partecipanti hanno indossato una specie di cuffia che rileva le loro attività cerebrali attraverso l’elettroencefalogramma (Eeg); l’interfaccia converte l’attività neurale in comandi meccanici per le sedie a rotelle. Ai partecipanti è stato chiesto di controllare la direzione della sedia a rotelle pensando di muovere le parti del corpo. In particolare, dovevano pensare di muovere entrambe le mani per girare a sinistra e entrambi i piedi per girare a destra. Alla fine dell’addestramento, a tutti i partecipanti è stato chiesto di guidare la sedia a rotelle in una stanza d’ospedale disordinata. Dovevano aggirare ostacoli come un divisorio e i letti dell’ospedale, allestiti per simulare l’ambiente reale. Due dei partecipanti hanno portato a termine il compito. Lo studio è uno dei primi a valutare la traduzione clinica della tecnologia di interfaccia cervello-macchina non invasiva in persone tetraplegiche.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.