nuovo-fronte-mare-a-cagliari,-tra-la-fiera-e-lo-stadio-ecco-una-rotatoria-con-discoteca-panoramica-–-casteddu-on-line

Nuovo fronte mare a Cagliari, tra la Fiera e lo stadio ecco una rotatoria con discoteca panoramica – Casteddu On line

Una rotatoria-discoteca. Una novità assoluta per la città. Una soluzione suggestiva scelta per futuro fronte mare cagliaritano. E’ uno dei tasselli del progetto guida della riqualificazione dell’area compresa tra di Su Siccu, ex Fiera e Pineta di Bonaria, approvata dal Comune e presentata oggi dall’architetto Laura Peretti in commissione Urbanistica.

Si tratta di discoteca rotatoria che sorgerà sulla parte finale dell’asse mediano e via Pessagno (all’altezza dell’ingresso dell’hub vaccinale della Fiera). Una rotonda soprelevata che dovrà semplificare i flussi di traffico tra lo stadio, viale Colombo e lo stesso asse mediano di scorrimento. Nascerà quindi una grande struttura circolare che alla base avrà un parcheggio e nel punto più alto e panoramico una discoteca con vista sul mare e sulla città.

Tra i punti decisivi di tutta la riqualificazione del comparto anche la passerella che dalla scalinata di Bonaria raggiungerà lo specchio d’acqua davanti a Su Siccu, sorvolando viale Diaz e viale Colombo. La terrazza panoramica che nascerà sopra piazza dei Centomila, la riqualificazione del quartiere fieristico di viale Diaz (con hotel spazio concerti e galleria urbana), la demolizione del cavalcavia tra la Fiera e il porticciolo di Su Siccu che sarà sostituito da un ecodotto (una strada in trincea coperta da verde) .

“Si tratta di avvicinare la città al mare”, spiega Antonello Angioni, presidente della commissione comunale Urbanistica, “il progetto guida rappresenta una grande opportunità per la città di Cagliari perché avvia e dà concretezza al processo di riqualificazione delle aree fronte mare da tempo e da più parti auspicato. La valorizzazione del fronte si divide in diversi sub ambiti: quello che adesso andiamo ad approvare è quello di Su Siccu e pineta di Bonaria. Sono stati coinvolti oltre al Comune di Cagliari, l’Autorità di Sistema portale, la Camera di Commercio, la Regione e la Soprintendenza ai beni culturali che hanno espresso pareri positivi. Ora spetta al consiglio comunale approvare il parere preventivo”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.