nuove-regole-per-l’accesso-dei-visitatori-negli-ospedali-della-gallura

Nuove regole per l’accesso dei visitatori negli ospedali della Gallura

Ospedali della Gallura. Sono entrate in vigore le nuove disposizioni che consentono ai visitatori di recarsi in ospedale a trovare parenti o amici.

Negli ospedali di La Maddalena, Olbia e Tempio Pausania da queste ore è nuovamente possibile accedere per poter visitare i propri familiari o amici. Al fine di scongiurare l’insorgenza di nuovi cluster è però indispensabile il rispetto delle norme, in primis l’obbligo dell’uso delle mascherine all’interno dell’ospedale, la frequente sanificazione delle mani, il distanziamento di almeno un metro e il divieto di assembramento.
Permane inoltre l’obbligo di misurazione della temperatura corporea all’ingresso della struttura sanitaria, oltre a mostrare (in cartaceo o App) la Certificazione Verde Covd-19, o attestazione della guarigione da Covid-19 negli ultimi sei mesi o un tampone molecolare o antigenico, con esito negativo, eseguito entro le 48/72 ore.
Per i visitatori dei ricoverati, inoltre, sarà possibile accedere alle camere di degenza, un visitatore per paziente, per un massimo di due visitatori presenti contemporaneamente nella stanza e per non oltre trenta minuti, salvo casi particolari che dovranno esser di volta in volta valutati dal personale sanitario. La presenza del familiare/care-giver del paziente andrà valutata, caso per caso, dalla singola Unità operativa.
Permane inoltre l’obbligo di effettuare il triage telefonico dei pazienti ambulatoriali, volto ad escludere il rischio infettivo; coloro che dovranno effettuare delle visite specialistiche all’interno dei tre ospedali della Gallura potranno esser accompagnati ad effettuare la visita solo nei casi di pazienti disabili, minori, gravide e assegnatari di Legge 104. In questo caso, l’accesso alla struttura è consentito con un anticipo di 15 minuti rispetto all’ora della visita.

L’articolo Nuove regole per l’accesso dei visitatori negli ospedali della Gallura sembra essere il primo su Sardegna Reporter.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *