monserrato,-corso-di-studi-e-perfezionamento-didattico-per-gli-adulti-piu-vulnerabili-–-casteddu-on-line

Monserrato, corso di studi e perfezionamento didattico per gli adulti più vulnerabili – Casteddu On line

A fine agosto è stata presentata una mozione urgente a prima firma del consigliere di minoranza Ivano Argiolas. Si tratta di azioni propositive nell’interesse di soggetti adulti più vulnerabili dal punto di vista socioeconomico e volte al miglioramento della formazione. “L’urgenza stava nel fatto che – spiega Argiolas – l’anno scolastico era alle porte e tale iniziativa si sarebbe meglio collocata con la programmazione scolastica”. 

Il progetto, a costo zero per le casse comunali, è finanziato dal Ministero dell’Istruzione e coordinata dal Centro Provinciale Istruzione Adulti 1 (CPIA1) di Cagliari “a cui chiedo che il Comune di Monserrato aderisca”.

Nello specifico: si tratta di un piano che permetterebbe ai soggetti svantaggiati e con una scarsa formazione scolastica, ma anche ai percettori di reddito di cittadinanza o chi ha perduto il lavoro e vuole migliorare la propria formazione, di farlo attraverso la frequentazione di un corso di studi e di perfezionamento didattico. Il progetto, utilissimo anche agli stranieri che imparerebbero meglio la lingua italiana, è articolato con quattro tipologie di percorsi: alfabetizzazione primaria; corso di 400 ore finalizzato al conseguimento della scuola secondaria (ex licenza media); corso di 825 ore (in due anni) per l’ottenimento di crediti formativi per discipline fondamentali (lettere, matematica, lingua straniera); ampliamento dell’offerta formativa con corsi tematici alle singole materie e discipline (lingue, informatica, laboratori teorico – pratici ecc).

“Credo molto nella formazione continua, specie per le persone che negli ultimi anni hanno perduto il lavoro per le quali trovare un nuovo impiego è assai complicato. Il reddito di cittadinanza, il REIS ed altre misure di  contenimento della povertà, da sole non possono bastare. Occorre che ai cittadini rimasti indietro venga offerta l’opportunità di migliorarsi dal punto di vista della formazione”.

“A questo proposito dispiace notare che il Consiglio non è al passo coi tempi. Infatti, ancora adesso che siamo a Novembre, stiamo discutendo atti presentati all’inizio dell’anno. Occorrerebbe mettersi in pari con le mozioni e interrogazioni, talvolta urgenti, che giacciono sui banchi in attesa di essere discusse”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.