membro-dell'equipaggio-litiga-con-la-fidanzata-e-si-tuffa-in-mare-dalla-nave-da-crociera

Membro dell'equipaggio litiga con la fidanzata e si tuffa in mare dalla nave da crociera

Membro dell’equipaggio litiga con la fidanzata e si tuffa in mare dalla nave da crociera

La crociera è ripartita con alcune ore di ritardo e ha ripreso il suo viaggio. 

“L’amore non è bello se non è litigarello”, dicevano i nostri nonni. La saggezza popolare poche volte si sbaglia, ma quanto accaduto sulla nave da crociera MSC Splendida, va un po’ al di là del semplice diverbio tra innamorati.

Mentre la nave si trovava vicino alle coste della Calabria ed era diretta a Taranto un ballerino 24enne membro dell’equipaggio si è tuffato in mare improvvisamente. Nessuna conseguenza grave per il giovane, che è stato recuperato con le scialuppe di salvataggio.

Secondo quanto riportano i quotidiani locali il gesto eclatante del ballerino sarebbe stato dettato da un furente litigio avuto con la fidanzata. È stato proprio lui a raccontare le cause del pericoloso tuffo ai carabinieri.

La crociera è ripartita con alcune ore di ritardo e ha ripreso il suo viaggio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



I lavoratori, sorpresi dalle telecamere, si sono giustificati: “Erano degli scarti, avevamo fame”

Sospesi per aver mangiato due fette di mortadella sul luogo di lavoro: è successo in uno stabilimento nel Reggiano, in un’azienda leader nel mercato agroalimentare.

A darne notizia è il Resto del Carlino che racconta come i lavoratori – addetti al confezionamento di carne e salumi, abbiano ricevuto nei giorni scorsi le lettere di contestazione disciplinare che annunciavano loro la sospensione.

I lavoratori, sorpresi dalle telecamere, si sono giustificati: “Erano degli scarti, avevamo fame. Abbiamo agito in buonafede, tutto alla luce del sole pur sapendo della presenza delle telecamere”.

Gli operai ora temono il licenziamento e hanno impugnato, attraverso i loro legali, le lettere, chiedendo formalmente la riammissione al lavoro senza subire alcun provvedimento disciplinare.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.