maxi-operazione-anti-camorra-a-ponticelli:-66-arresti-nella-terra-della-faida-di-napoli-est-–-il-riformista

Maxi operazione anti Camorra a Ponticelli: 66 arresti nella terra della faida di Napoli est – Il Riformista

Due anni di stese, bombe e sparatorie

Antonio Lamorte — 28 Novembre 2022

Maxi operazione anti Camorra a Ponticelli: 66 arresti nella terra della faida di Napoli est

È in corso da questa mattina una delle più vaste operazioni anti Camorra intraprese nel post pandemia. Decine di arresti a Ponticelli, nell’area est di Napoli, dove da almeno due anni si combatte a colpi di sparatorie, stese e bombe la faida tra il clan De Micco-De Martino e quello De Luca Bossa-Casella-Minichini. Sette le vittime in tutto, tra cui un innocente, in questi ultimi anni.

Dalle prime ore l’Arma dei Carabinieri e la Polizia di stato stanno dando esecuzione a un’ordinanza restrittiva emessa dal gip del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. La vasta operazione riguarda 66 persone ritenute gravemente indiziate di associazione di tipo mafioso, estorsione e detenzione di armi, a vario titolo legate al cartello camorristico denominato De Luca – Bossa – Casella – Minichini – Rinaldi – Reale attivo nella zona orientale del capoluogo.

Solo lo scorso 10 novembre un pluripregiudicato 48enne era stato ferito in un agguato, nei pressi di una scuola elementare, in piazza Aprea. Lo scorso 24 ottobre invece a morire sotto i colpi di arma da fuoco il 22enne Alessio Bossis, nel parcheggio della galleria commerciale “In Piazza” nel vicino comune di Volla. “Ormai – lamentava Stefano Marzatico, consigliere del Gruppo Maresca alla Sesta Municipalità Ponticelli-Barra-San Giovanni a Teduccio – viviamo una situazione insostenibile. Un anno è passato, senza aver avuto risposta da chi amministra la città, ma al consueto corteo dell’11 novembre, anniversario della strage del Bar Sayonara, domani parteciperanno in tanti prendendosi applausi che non meritano. Sarebbe il caso che ognuno di loro si dimettesse e chiedesse scusa al quartiere di Ponticelli”.

Il riferimento del consigliere andava alla XII giornata in memoria delle vittime dell’11 novembre 1989, anniversario della strage del bar Sayonara, dove in una spedizione punitiva vennero ammazzate sei persone tra cui quattro innocenti, manifestazione organizzata dal presidio di Libera Ponticelli, Fondazione Pol.i.s., Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità.

Avatar photo

Giornalista professionista. Ha frequentato studiato e si è laureato in lingue. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Ha collaborato con l’agenzia di stampa AdnKronos. Ha scritto di sport, cultura, spettacoli.

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *