mario-draghi-e-astrazeneca,-“adesso-basta”.-retroscena-da-palazzo-chigi:-“lavata-di-capo-a-speranza,-mai-visto-cosi-furioso”

Mario Draghi e AstraZeneca, “adesso basta”. Retroscena da Palazzo Chigi: “Lavata di capo a Speranza, mai visto così furioso”

Fonte:LiberoQuotidiano 19 giugno 2021

Il caos AstraZeneca ha scalfito anche Mario Draghi e la sua proverbiale imperturbabilità. I retroscena da Palazzo Chigi riferiscono di un premier “educato e cortese” ma “furioso” con Roberto Speranza e gli esperti del Cts, ancora una volta in ordine sparso sui vaccini. E così è stato necessario che Draghi in persona si sbilanciasse, a costo di rischiare la figuraccia mediatica per l’ultimo ribaltone, annunciando che lui stesso si sottoporrà a un richiamo “eterologo”. Vale a dire: la seconda dose si può fare con un siero diverso da quello utilizzato per la prima. Pur lasciando libertà di scelta a chi vorrà mantenere AstraZeneca anche per il richiamo, debitamente “informato” sugli eventuali rischi per la propria salute e previo consenso del medico.



Un pasticcio sanitario, che è diventato alla fine anche politico. Secondo il Giornale, Draghi ha contestato a Cts e ministro della Salute l’incapacità di prendere in mano le redini della questione. Poche ore prima, peraltro, gli stessi Gianni Rezza e Silvio Brusaferro, direttore generale della Prevenzione del ministero della Sanità e presidente dell’Iss, avevano alimentato nuovi dubbi. Da qui la convocazione d’urgenza di una conferenza stampa “volante”, con a fianco lo stesso Speranza, sempre più smarrito, e il commissario straordinario, il generale Francesco Figliuolo, che non aveva nascosto le “perplessità” per i continui cambi di linea su AZ. “La vaccinazione eterologa funziona – giura il premier -. Io stesso martedì sono prenotato per fare l’eterologa”. La prima dose di AstraZeneca “ha prodotto anticorpi bassi e allora mi si consiglia di fare l’eterologa, che funziona per me e anche per chi ha meno di 60 anni“.

Draghi e Figliuolo sembrano gli unici ad aver intuito il vero rischio dietro il caos AstraZeneca: che la campagna vaccinale dei richiami si inceppi, mandando a monte quanto fatto in questi  mesi, con enormi fatiche politiche, comunicative e organizzative. E alla vigilia di quello che nessuno, per ora, ammette fuori dai denti: il rischio di una nuova ondata di contagi legati alla variante Delta, la cosiddetta “indiana” diventata predominante in Gran Bretagna e che secondo gli esperti soppianterà in breve tempo tutte le altre forme di virus nel resto d’Europa, Italia compresa.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *