leyna-bloom,-prima-donna-nera-e-transgender-sulla-copertina-di-sports-illustrated

Leyna Bloom, prima donna nera e transgender sulla copertina di Sports Illustrated

Leyna Bloom, prima donna nera e transgender sulla copertina di Sports Illustrated

Sfoglia gallery

È la protagonista del numero di luglio dedicato ai costumi. «Sto promuovendo qualcosa che al mondo mancava: la bellezza trans in tutte le sue forme e taglie»

È la prima donna transgender, nera e di origini filippine a comparire sulla copertina del magazine americano Sports Illustrated. Leyna Bloom è la protagonista di una delle tre copertine di Swimsuit Issue, il numero di luglio dedicato ai costumi. «Sto promuovendo qualcosa che al mondo mancava: la bellezza trans in tutte le sue forme e taglie», ha scritto su Instagram. «Rappresento le Filippine, rappresento le donne nere, rappresento le persone immigrate: per tutti loro sono come un tramite per portare avanti un cambiamento».

Cresciuta in uno dei quartieri più poveri di Chicago, il South Side, ha alle spalle un passato di sofferenza e abusi. Ma è riuscita a conquistare le passerelle dei maggiori stilisti e a posare per Vogue India. Leyna Bloom, che è anche attrice, ballerina e attivista per i diritti dei transgender, è stata anche la prima donna transgender nera a recitare come protagonista di un film, Port Authority, presentato nel 2019 al Festival di Cannes.

Per lei, comparire sulla copertina di Sports Illustrated «non riguarda solo l’essere bella, ma essere bella con un messaggio potente», come ha scritto sui suoi social. «Quando penso a una donna potente, penso a qualcuno che è veramente inarrestabile, specialmente quando sa di meritare molto di più di quello che la società la crede capace. Continua a sentirsi più forte nonostante la paura. A fare una dichiarazione potente indipendentemente da che cosa indossa. Si sveglia e affronta la sua giornata sapendo che ci sono avversità in ogni stanza in cui entra. Tiene la testa alta e parla per se stessa e per gli altri quando nessuno lo farà».

Tant’è che, per posare per Sports Illustrated, Leyna Bloom ha subito messo in chiaro le sue priorità, come ha spiegato su Instagram: «Nel momento dello shoot ho detto: nessun bikini, nessun laccetto, nessun tanga, nessuna nudità. Indosserò un costume intero perché così mi sento più a mio agio. Abbiamo scattato 12 costumi diversi quel giorno, alcuni provocanti, alcuni sexy, alcuni forti. Ognuno dei quali cattura una parte diversa di me».

LEGGI ANCHE

Gina Chua, prima transgender ai vertici della Reuters: «Vorrei essere un esempio»

LEGGI ANCHE

Identità di genere, sempre più adolescenti chiedono di cambiare sesso

LEGGI ANCHE

Piccolo Uovo, le famiglie diventano un cartone animato

LEGGI ANCHE

Serie tv, «Butterfly»: è ora di parlare dei bambini transgender

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *