johnson-&-johnson:-«il-vaccino-monodose-mostra-risultati-promettenti-contro-la-variante-delta»

Johnson & Johnson: «Il vaccino monodose mostra risultati promettenti contro la variante Delta»

Johnson & Johnson: «Il vaccino monodose mostra risultati promettenti contro la variante Delta» Johnson & Johnson: «Il vaccino monodose mostra risultati promettenti contro la variante Delta»

La durata della risposta immunitaria sarebbe di almeno otto mesi. Il Lazio lancia una open night a Roma dedicata proprio al monodose nel prossimo fine settimana

Buone notizie sul fronte del contrasto alla variante Delta (nome scientifico B.1.617.2), ritenuta più contagiosa di altri ceppi come il prevalente (fino a qualche settimana fa) Alpha. Johnson & Johnson ha spiegato infatti, forse in risposta ad alcuni esperti che paventavano un richiamo con Pfizer-Biontech o Moderna per chi avesse ricevuto il proprio prodotto, che il suo vaccino monodose a vettore virale promette di essere fortemente efficace contro la variante che sta progressivamente divenendo prevalente in molti paesi del mondo.

E facendo segnare aumenti nei contagi anche se spesso non seguiti da ospedalizzazioni e decessi, laddove i tassi di vaccinazione sono elevati. Non solo: secondo il gruppo statunitense, anche la protezione fornita contro l’infezione sarebbe di lunga durata e appunto ad ampio raggio.

Secondo J&J i dati mostrerebbero che la durata della risposta immunitaria in chi ha ricevuto il monodose sarebbe di almeno otto mesi, aggiungendo che il suo vaccino avrebbe dimostrato un’efficacia dell’85% nei confronti di ospedalizzazione e decesso. «I dati attuali per gli otto mesi studiati finora mostrano che il vaccino a iniezione singola Johnson & Johnson Covid-19 genera una forte risposta anticorpale neutralizzante che non diminuisce; piuttosto, osserviamo un miglioramento nel tempo» ha spiegato Mathai Mammen, capo della ricerca e sviluppo presso la divisione farmaci di J&J. Chi ha ricevuto quel prodotto, infatti, ha visto scatenarsi una risposta immunitaria in grado di produrre anticorpi neutralizzanti efficaci contro tutte le varianti, inclusa la Delta.

Johnson & Johnson ha pubblicato i dati sulla piattaforma bIOrxiv in attesa di sottoporli a peer-review per la pubblicazione su una rivista scientifica. Intanto, mentre l’utilizzo di questo vaccino e di quello di AstraZeneca procede in Italia a ritmi troppo blandi (si tratta di due ottimi vaccini autorizzati dall’Ema senza alcun vincolo), la regione Lazio per accelerare la campagna vaccinale promuove una nuova open night, ossia la possibilità di fare il vaccino per tutta le notte e le prime ore del mattino dalle ore 15 di sabato 3 luglio, sino alle ore 8 di domenica 4 luglio al presidio ospedaliero Santo Spirito, con ingresso da lungotevere in Sassia 3. A gestire il flusso e organizzare l’iniziativa, insieme alla Regione, c’è la Asl Roma 1. A chi si prenoterà verrà appunto somministrato il vaccino monodose Johnson & Johnson sviluppato dalla controllata Janssen. La prenotazione si effettua accedendo al link dedicato https://openight.aslroma1.it/cittadino/reservations fino alle ore 24 di venerdì 2 luglio.

LEGGI ANCHE

Vaccini, rischio di decesso ridotto del 95% a 35 giorni dalla prima dose

LEGGI ANCHE

Covid, i vaccini a mRna danno una protezione in grado di durare anni

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *