italia-agli-ottavi:-sabato-26-a-wembley-contro-austria-o-ucraina

Italia agli ottavi: sabato 26 a Wembley contro Austria o Ucraina

Italia agli ottavi: sabato 26 a Wembley contro Austria o Ucraina Italia agli ottavi: sabato 26 a Wembley contro Austria o Ucraina

Contro il Galles arriva la terza vittoria (1-0, gol di Pessina) e il primo posto nel Girone A dell’Europeo. Solo lunedì l’Italia conoscerà il suo avversario. Imbarazzo e dibattito social per il momento a sostegno di «Black Lives Matter»: solo cinque azzurri si sono inginocchiati. Il CT Mancini: «Grande mentalità, ora vogliamo arrivare alla fine del torneo»

E’ sempre azzurro il colore dell’Europeo. Battuto il Galles, 1-0, gol di Pessina. L’Italia chiude trionfalmente il girone A con la terza vittoria consecutiva. Il bilancio è gravido di speranze per il proseguio dell’Europeo. 9 punti, 7 gol segnati e – questo è il vero dato significativo – zero gol subiti. Il primo posto porta l’Italia agli ottavi. Giocherà sabato 26 giugno alle ore 21.00, a Wembley, contro la seconda classificata del Girone C. Presto conosceremo i nostri avversari. Ci toccherà una tra Ucraina – allenata dall’ex stella del Milan Shevchenko – e Austria.

Le due nazionali si affrontano a Bucarest alle 18 di lunedì, con l’Olanda che – contro la Nord Macedonia – difende il primo posto.

Prima del fischio d’inizio c’è stato un momento (quasi) collettivo – e segnato subito dopo da un dibattito social – in sostegno a Black Lives Matter, il movimento attivista nato negli Stati Uniti e impegnato nella lotta contro il razzismo verso le persone di colore. Ad inginocchiarsi – oltre a tutti i giocatori del Galles – sono stati solo cinque azzurri: Federico Bernardeschi, Andrea Belotti, Emerson Palmieri, Matteo Pessina e Rafael Toloi, mentre gli altri giocatori dell’italia non hanno partecipato.

«Non è stata una partita semplice, ma i miei ragazzi sono stati bravissimi. Sono molto soddisfatto», ha detto a fine gara il CT Mancini, «Abbiamo dimostrato una grande mentalità, ora pensiamo a vincere gli ottavi e andare avanti nel torneo».

Contro il Galles – che si è qualificato come secondo – il Ct Mancini ha cambiato praticamente tutto. Sono 8 i nuovi innesti, con soli tre giocatori confermati nella formazione di partenza: Donnarumma, Bonucci e Jorginho. Ma la partita ha confermato che Mancini ha solo il problema di scegliere. Le alternative non mancano e anzi sono tutte di qualità. Il gol del vantaggio, nel primo tempo, lo segna Matteo Pessina, 24 anni, jolly di centrocampo, in forza all’Atalanta. Pessina interviene al volo su una punizione-assist di Verratti, che rientrava a un mese e mezzo dall’infortunio. Nella ripresa l’espulsione di Ampadu ha lasciato il Galles in inferiorità numerica. Nell’altra partita del Girone A la Svizzera ha battuto 3-1 la Turchia, piazzandosi al terzo posto e mantenendo vive le chances di qualificazione agli ottavi.

Va ricordato infine che gli azzurri hanno giocato con il lutto al braccio per la morte di Giampiero Boniperti, monumento del calcio italiano, che prima da calciatore e poi da presidente ha fatto la storia della Juventus. Con il risultato ottenuto, il Ct Mancini ha eguagliato lo storico record di Vittorio Pozzo, che negli anni 30 infilò una clamorosa striscia di 30 risultati utili consecutivi. Quella contro il Galles – infine – è stata l’ultima delle tre partite dell’Italia all’Olimpico di Roma.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *