ita,-dopo-lo-stop-del-governo-alla-trattativa-con-certares-anche-msc-si-chiama-fuori:-“non-piu-interessata-alla-privatizzazone”-–-il-fatto-quotidiano

Ita, dopo lo stop del governo alla trattativa con Certares anche Msc si chiama fuori: “Non più interessata alla privatizzazone” – Il Fatto Quotidiano

| 21 Novembre 2022

Il gruppo Msc, che a maggio insieme a Lufthansa aveva presentato un’offerta non vincolante per Ita, si chiama fuori. Dopo che il nuovo governo ha stoppato la trattativa esclusiva col fondo americano Certares, in partnership commerciale con Delta ed Air France-Klm, facendo rientrare in campo l’altra cordata, il gruppo che si occupa di trasporto merci e passeggeri via nave e fa capo a Gianluigi Aponte ha fatto sapere di aver già informato le autorità competenti di non essere più interessato a partecipare alla privatizzazione di Ita Airways, “non ravvisandone le condizioni nell’attuale procedura”.

La partita è ora nelle mani del nuovo presidente Antonino Turicchi. Dopo il rinnovo del consiglio di amministrazione di Ita da parte del Tesoro, azionista unico, il neo presidente avrà le deleghe sulle operazioni strategiche e quindi sulla vendita della newco, oltre a quelle sul settore finance, legale, su comunicazione e rapporti istituzionali. Turicchi prende il posto di Alfredo Altavilla contro cui il Tesoro si “riserva” di prendere eventuali azioni legali, dopo essere stato revocato.

Da sempre gli stessi vertici di Ita hanno spiegato che per stare in piedi la compagnia ha bisogno di un partner internazionale. Resta da vedere se Lufthansa sarà disponibile ad andare avanti da sola. A marzo l’ad Carsten Spohr aveva aperto alla possibilità di un ingresso diretto nell’azionariato.

Nei giorni scorsi era emerso che Gianluigi Aponte, 82 anni, è tra gli indagati in un fascicolo aperto dalla procura di Napoli su una serie di episodi di corruzione legati alle concessioni marittime. Ad Aponte gli inquirenti contestano la corruzione e il traffico di influenze in concorso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO

DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.

Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI

Grazie Peter Gomez

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.