iran-l’esercito-usa-lo-stupro-per-reprimere-le-proteste.-donne-violentate-in-carcere-e-per-le-strade-–-agenpress

Iran. L’esercito usa lo stupro per reprimere le proteste. Donne violentate in carcere e per le strade – Agenpress

AgenPress – Il governo iraniano ha chiuso il paese ai giornalisti stranieri non accreditati, chiude regolarmente Internet e sopprime le voci dei dissidenti con arresti di massa. In Iran prevale un estremo clima di paura mentre la repressione si intensifica.

Una donna curdo-iraniana, che la CNN chiama Hana per la sua sicurezza, afferma di aver assistito e subito violenze sessuali mentre era detenuta. “C’erano ragazze che sono state aggredite sessualmente e poi trasferite in altre città”, ha detto. “Hanno paura di parlare di queste cose.”

Le donne hanno svolto un ruolo centrale nella rivolta iraniana da quando è scoppiata due mesi fa. Lo slogan “Donne, vita, libertà” risuona nelle manifestazioni contro il regime nella sua lingua originale curda (Jin, Jiyan, Azadi) e in persiano (Zan, Zendegi, Azadi). È un cenno alla donna curda di 22 anni la cui morte ha scatenato le proteste: si ritiene che Jina (Mahsa) Amini sia stata brutalmente picchiata dalla polizia morale iraniana per hijab improprio e morta giorni dopo.

I diritti delle donne sono stati anche al centro del dibattito tra l’establishment clericale iraniano dall’inizio delle proteste. Alcuni religiosi e politici hanno chiesto l’allentamento delle regole sociali, mentre altri si sono raddoppiati, confondendo le donne manifestanti con quelle che chiamano “donne dissolute” che erano solo pedine in un complotto ordito dai governi occidentali.

Nelle ultime settimane, sono emersi video sui social media che mostrano  le forze di sicurezza iraniane che aggrediscono sessualmente le manifestanti per le strade. Sono cominciate ad emergere segnalazioni di violenze sessuali contro attivisti nelle carceri.

Con l’accesso ai media all’interno dell’Iran fortemente limitato, la CNN si è recata nella regione vicino al confine iracheno con l’Iran, intervistando testimoni oculari che avevano lasciato il paese e verificando i resoconti dei sopravvissuti e fonti sia all’interno che all’esterno dell’Iran. La CNN ha confermato diversi rapporti di violenza sessuale contro i manifestanti e ha ascoltato resoconti di molti altri. Almeno uno di questi ha causato gravi lesioni e un altro ha comportato lo stupro di un minorenne. In alcuni dei casi scoperti dalla CNN, l’aggressione sessuale è stata filmata e utilizzata per ricattare i manifestanti al silenzio, secondo fonti che hanno parlato con le vittime.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.