Senza categoria

Intervento sui servizi sociali:Gestioni dei buoni spesa, è polemica.

[ad_1]

La scelta del Comune di aiutare i cittadini indigenti con un servizio di “Buoni spesa” affidato ad una società di Bologna,provoca le critiche dell’Adiconsum.L’associazione dei consumatori non vede di buon occhio il sistema:”Ogni aiuto a chi ha seri problemi di sopravvivenza- spiega il segretario Giancarlo Cancedda- è di certo un fatto positivo: ma il servizio, com’è stato concepito dall’assessorato alle politiche sociali, ha diversi profili sicuramente discutibili”. In primo luogo, sostiene Cancedda, non si comprende per quale motivo si è deciso di appaltare all’esterno la consegna dei buoni:” La Day Ristoservice” che riceve una commissione dell’1,5% sul valore dei buoni. Al commerciante che intende convenzionarsi richiede inoltre uno sconto che, a quanto pare, ammonterebbe al 4%. Se l’amministrazione comunale avesse optato per una gestione diretta, sconto e commissione sarebbero stati trattenuti in favore dei cittadini. Noi riteniamo che i servizi sociali comunali avrebbero potuto gestire il servizio senza problemi”. Il servizio, prosegue l’Adiconsum avrebbe potuto essere affidato a chi in città si occupa di alleviare il disagio dei meno abbienti. ” Ci sono le Caritas parrocchiali e associazioni di volontariato che avrebbero potuto farsi carico di questa uncombenza, senza gravare sui costi: ci chiediamo legittimamente se un tentativo in questo senso è stato fatto da parte dell’amministrazione comunale.Non ci piace il fatto che l’acquisto fatto con il buono spesa non preveda la restituzione del denaro a titolo di resto al cittadino”C’è infine la questione del foro competente per la risoluzione delle controversie:”Il codice del consumo, aggiunge il segretario provinciale dell’Adiconsum – è chiaro:Il foro competente è sempre quello del consumatore. La pretesa della Day Ristoservice di condurre ogni controversia al foro di Bologna è dunque non rispondente alle norme di legge e non può essere presa in considerazione. L’amministrazione comunale intevenga presto affinchè sia corretta questa clausola contenuta nello schema di convenzione proposto dalla ditta affidataria ai commercianti di Carbonia.

[ad_2]

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *