il-prefetto-di-cagliari-in-visita-al-reparto-scientifico-dei-carabinieri

Il prefetto di Cagliari in visita al Reparto scientifico dei carabinieri

CAGLIARI. Il prefetto di Cagliari Gianfranco Tomao in visita questa mattina 20 luglio al Reparto investigazioni scientifiche dei carabinieri, uno dei quattro operanti in tutta Italia assieme a Roma, Parma e Messina, competenti su tutto il territorio nazionale. Il Ris di Cagliari così come i paritetici altri tre è suddiviso in specifici laboratori in grado di svolgere le molteplici indagini tecniche di settore. Il cuore operativo del Reparto si compone di 3 sezioni: quella di biologia che si occupa della ricerca e dell’esaltazione di tracce, spesso invisibili ad occhio nudo e di ridottissime dimensioni, per l’estrapolazione di profili genetici da confrontare con soggetti indagati o già inseriti nella banca dati nazionale Dna; la sezione di chimica, esplosivi e infiammabili, composta da più laboratori operanti attivi nel campo dell’analisi dei principi attivi delle sostanze stupefacenti e psicotrope, delle sostanze esplosive e infiammabili e dei loro residui in seguito ad esplosioni o incendi, dei residui di colpi da armi da fuoco e degli esami merceologici su fibre o altri materiali. Infine, la sezione di impronte, balistica, grafica e informatica che ricerca gli autori di un delitto attraverso l’esaltazione di impronte digitopalmari, plantari e di calzature rinvenute sul luogo del crimine. Il laboratorio di balistica si occupa dell’analisi, sotto ogni aspetto, di armi, cartucce e componenti delle stesse repertati in occasione di eventi delittuosi, prevalentemente al fine di effettuare analisi al microscopio comparatore per associare bossoli o proiettili all’arma che li ha prodotti.

Altro settore di grande utilità è quello in cui opera il laboratorio di grafica, i cui operatori riescono ad effettuare indagini di comparazione di scritture, di analisi di falsi documentali e di ricerca di scritture latenti. Infine, il laboratorio di videofotografia esamina fotogrammi e filmati acquisiti da videocamere di sicurezza per la comparazione di volti e ricostruzione di altezze di soggetti ignoti, occupandosi inoltre della documentazione video-fotografica delle scene del crimine e della loro ricostruzione tridimensionale.

A conclusione della visita il prefetto Tomao ha espresso il proprio plauso per l’appassionata costanza con il quale il personale operante offre il proprio, alto e qualificato apporto all’Arma territoriale e a tutti gli enti del territorio che pone il Ris di Cagliari tra le eccellenze delle investigazioni.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *