il-pesce-povero-protagonista-a-fertilia

Il pesce povero protagonista a Fertilia

ALGHERO . Il pesce povero, pescato nella rada di Alghero, sarà protagonista dei prossimi due fine settimana nei ristoranti e wine bar di Fertilia. L’iniziativa, organizzata dal Ceas del Parco di Porto Conte, rientra nel progetto Salpa (Sostenibilità ambientale locale del pescato algherese) per un consumo e una produzione responsabile, in linea con uno degli obiettivi dell’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile, hanno evidenziato gli organizzatori. L’obiettivo è quello di consumare con intelligenza, niente sprechi alimentari. Dal 16 al 18 Luglio e dal 23 al 25 luglio le attività di Fertilia che hanno aderito proporranno dei menù a costi contenuti e, come detto, a base di pesce povero pescato nel mare attorno alle coste algheresi come sardine, sgombri, merluzzi, pagelli, pesce sciabola e zerri per citarne solo alcuni.

I clienti dei vari locali saranno invitati a fare foto, selfie e video dei piatti e pubblicarli su facebook e instagram con l’hashtag #salpaportoconte. «Un’iniziativa promossa e organizzata dal Parco naturale di Porto Conte e Area Marina Protetta Capo Caccia Isola Piana che ha l’obiettivo di valorizzare una tipologia ittica povera dal punto di vista economico, ma ricca da quello nutrizionale e che vede protagonisti anche pescatori e attività locali in un periodo di ripartenza economica», ha commentato il presidente di Casa Gioiosa Raimondo Tilloca presente alla presentazione di ieri insieme all’assessore all’ambiente Andrea Montis, al direttore Mariano Mariani, alle referenti del Ceas Porto Conte Antonella Derriu e dell’Amp Carme Spano, il presidente dell’associazione Pescatori Banchina Millelire, Leonardo Zinchiri e a Francesco Pepe dell’associazione Meet Sardinya che collabora all’iniziativa. «Quest’anno – ha evidenziato Mariani – il progetto Salpa ha già interessato le scuole cittadine e proseguirà con il coinvolgimento di cittadini e turisti nei week-end a tavola, supportato da una campagna di comunicazione e diffusione tramite media e social». (n.n.)

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *