il-gradito-ritorno-dell’assistant-pesarese-chiude-lo-staff-della-dinamo-2021-2022

Il gradito ritorno dell’assistant pesarese chiude lo staff della Dinamo 2021-2022

La Dinamo Banco di Sardegna è lieta di annunciare che lo staff tecnico della Dinamo 2021-2022 si completerà con il gradito ritorno di Giacomo Baioni nei panni di assistant. A Sassari dal 2016 al 2018 il pesarese classe 1976 fa rientro in Sardegna dopo la vittoria dello Scudetto con la Reyer Venezia, al termine della combattuta serie di finale con il Banco, e le ultime due stagioni a Brescia.

Questa mattina, nella Club House di via Nenni, il general manager Federico Pasquini ha annunciato il ritorno dell’assistant pesarese: “Buongiorno a tutti, oggi siamo estremamente contenti di presentare un altro gradito ritorno: conosciamo tutti Giacomo Baioni, quando ci siamo salutati nel 2018 non avevamo dubbi che ci saremmo rincontrati. Siamo molto soddisfatti del gruppo di lavoro che stiamo costruendo _ha spiegato il gm biancoblu_, sia Giacomo sia Demis sono animati da grande passione e voglia di fare, loro due più i confermati Giorgio Gerosa e Matteo Boccolini, che si occuperà della parte atletica, siamo sicuri che metteranno i giocatori nella condizione di esprimere al 100 per cento il loro potenziale e la squadra a lavorare nel migliore dei modi”.

Felice ed entusiasta di tornare in Sardegna, ecco le prime parole di Giacomo Baioni: “Sono molto felice di essere qui, non ho mai avuto dubbi che le nostre strade si sarebbero rincontrate. Credo che arrivare alla Dinamo la prima volta fosse un grande traguardo ma ritornarci con grande consapevolezza sull’ambiente e lo staff, poter rivivere le emozioni che solo la Dinamo ti può far vivere mi rende ancora più orgoglioso. Questa società è composta di gente di basket di primissimo livello; ritrovo un ambiente di lavoro eccellente, non è un caso che ci sia grande continuità negli anni, perché penso che chi sceglie che è Stefano Sardara è una persona il cui cammino e capacità sono chiare e certificate negli anni. Il progetto Dinamo è vincente, al netto delle singole vittorie o sconfitte. Sono ancora più entusiasta di poter tornare a Sassari nell’anno in cui tutti ci auguriamo possa ritornare il pubblico nei palazzetti: la passione qui è forte e reale e la spinta del pubblico ha sempre fatto la differenza. Ringrazio le persone che hanno voluto il mio ritorno qua, a partire da Demis Cavina: ho trovato una persona motivata e dalle idee chiare, già ieri ci siamo lungamente confrontati e c’è condivisa voglia ed entusiasmo. Ringrazio poi Federico Pasquini verso cui ho grande gratitudine, abbiamo già lavorato insieme ed è stato lui che mi ha portato a Sassari: sono felicissimo di tornare a lavorare con un professionista come lui, il cui talento e competenza sono certificati dai risultati di questi anni. Ci legano una passione e quel fuoco che non si spegne mai. Un ultimo e doveroso ringraziamento lo faccio al presidente Stefano Sardara con cui ho creato un rapporto speciale: abbiamo grande condivisione ed è una persona come ne esistono poche, capace di fare cose fuori dal comune, un grande stratega e soprattutto una persona che capisce di uomini, cosa che gli dà umanamente una marcia in più“.

Carriera. Nato a Pesaro il 15 gennaio 1976, Giacomo Baioni ha iniziato la carriera di allenatore nella sua città natale, prima come allenatore delle squadre giovanili poi come assistente di Alessandro Ramagli in LegaDue, nella stagione 2006-2007, culminata con la promozione in Serie A. Rimasto a Pesaro fino al 2010 come assistente di Stefano Sacripanti e Luca Dalmonte, si trasferisce alla Mens Sana Siena guidata da Simone Pianigiani. In Toscana, conquista due Supercoppa italiana e tre scudetti, arrivando a disputare anche la Final Four di Eurolega nel 2011.

Nell’estate del 2013 si trasferisce a Caserta, ricoprendo il ruolo di assistente prima di Lele Molin, poi di Zare Markovski e, successivamente, di Vincenzo Esposito: al termine di quella stagione, resta alla Juve al fianco di Sandro Dell’Agnello. Nel 2016 firma per la Dinamo Banco di Sardegna Sassari dove veste i panni di assistente di Federico Pasquini e successivamente Zare Markovski. Sulla panchina isolana disputa la finale di Coppa Italia 2017. Nel 2018 lascia la Sardegna per motivi personali e viene ingaggiato dalla Reyer Venezia, dove diventa assistente di coach Walter De Raffaele. In un ironico gioco del destino Baio disputa la finale proprio contro Sassari e conquista in gara 7 al Taliercio lo scudetto con gli orogranata. Nel 2019 approda alla Pallacanestro Brescia dove resta due anni concludendo la passata stagione, interrotta dall’emergenza Covid, al terzo posto in classifica, e l’ultima con la conquista della salvezza matematica.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *