il-governatore-bonaccini-lancia-la-sua-candidatura-per-la-segreteria-del-pd

Il governatore Bonaccini lancia la sua candidatura per la segreteria del Pd

«La cosa che mi preoccupa di più è lo smarrimento della nostra gente – ha detto il governatore – dalla sconfitta sono passati meno di due mesi, da una batosta simile non ci si riprende in poche settimane. Questo lo comprendiamo tutti e lo comprendiamo fino in fondo»

Dal circolo Pd di Campogalliano, nel Modenese, il presidente della regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, ha annunciato la sua candidatura per la segreteria nazionale del Partito democratico.

«Ho deciso di candidarmi alla segreteria del Partito democratico. È il momento di esserci, di impegnarsi, di partecipare. E di farlo insieme. Per il Pd. Per il paese», ha detto Bonaccini.

«Non accetto che restiamo paralizzati sotto i colpi della destra che governa o delle opposizioni che tentano di dilaniarci», ha aggiunto tra gli applausi durante la conferenza stampa. «Sentire invocare lo scioglimento del Pd», aggiunge, «mi colpisce nel profondo». «Quello che dobbiamo e vogliamo fare lo decidiamo noi».

Davanti ai giornalisti Bonaccini ha detto: «La cosa che mi preoccupa di più è lo smarrimento della nostra gente – ha detto il governatore – dalla sconfitta sono passati meno di due mesi, da una batosta simile non ci si riprende in poche settimane. Questo lo comprendiamo tutti e lo comprendiamo fino in fondo».

L’Assemblea nazionale

Sabato 19 novembre si è tenuta l’assemblea nazionale del Partito democratico nel quale sono stati affrontati diversi temi ed era stata preannunciata la candidatura di Bonaccini per prendere il posto dell’attuale segretario Enrico Letta.

L’assemblea ha approvato con 553 voti favorevoli, 21 contrari e 36 astenuti le modifiche statutarie proposte dal segretario Letta in vista del prossimo congresso. Modifiche che hanno l’obiettivo di «un allargamento, con delle regole più semplici e con tempi certi per arrivare al voto a febbraio». Le primarie, infatti saranno anticipate dal 12 marzo al 19 febbraio.

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.