il-caso-castellino-alla-camera:-il-deputato-messinese-gallo-prenota-la-sala-poi-fa-dietrofront

Il caso Castellino alla Camera: il deputato messinese Gallo prenota la sala poi fa dietrofront

Giuliano Castellino, imputato per l’assalto alla Cgil, doveva essere oggi alla Camera, alla presentazione del movimento politico “Italia libera” ma non è stato fatto entrare

castellino-gallo-taormina

Bufera alla Camera dei Deputati per via della presentazione di “Italia Libera” di Giuliano Castellino, ex Forza Nuova, imputato per l’assalto alla Cgil a Roma, che ha lanciato il movimento insieme all’avvocato Carlo Taormina. La sala della Camera era stata prenotata dal deputato di Messina, Francesco Gallo, il quale, ad un certo punto ha deciso per un dietrofront, Queste le parole di Gallo che racconta l’intera vicenda: “ho risposto positivamente alla preghiera dell’avvocato Taormina. Non ho fatto salti di gioia quando nella lista con una decina di partecipanti ho visto Castellino. Ma ho rispettato l’impegno preso, dando la possibilità di presentare il loro movimento. Taormina, che tra l’altro è l’avvocato di Castellino mi ha mandato lo statuto di Italia libera, in cui si fa riferimento ai valori della non violenza e della pace. Sapevo che la presenza di Castellino avrebbe provocato polemiche. La mia storia politica e personale è estranea a quegli ambienti politici, ma non mi è sembrato il caso di porre condizioni per dare voce a questo movimento. Ma per evitare che l’attenzione generale si concentri sulla presenza di una sola persona, sollevando polemiche e polveroni mediatici, questa persona non sarà in quella sala. Con buona pace del garantismo e delle libertà costituzionali”.

Intanto in mattinata molti deputati del Pd e della Sinistra hanno rilasciato dichiarazioni al vetriolo. Susanna Camusso, senatore del Partito Democratico ed ex segretario nazionale dell Cgil, ha detto: “apprendo che domani alla Camera si svolgerà la presentazione del movimento politico “Italia libera” a cui parteciperà Giuliano Castellino. Non do giudizi politici sul nascente movimento politico ma sono esterrefatta che l’ex leader di Forza Nuova, imputato per l’assalto alla Cgil del 9 ottobre del 2021, intervenga nella sede di una istituzione parlamentare”. Non è da meno,  leader nazionale di Sinistra Italiana: “trovo inaccettabile che la Camera dei Deputati possa ospitare uno dei responsabili dell’assalto fascista alla Cgil, già condannato per altro reato, e che è in regime di sorveglianza speciale data la sua pericolosità. Che un deputato di questa destra permetta il suo ingresso dimostra i loro legami con il neofascismo. I vertici della Camera dei Deputati evitino questo oltraggio”. Nel dibattito è intervenuta l’esponente Pd, Debora Serracchiani: “ho scritto al presidente della Camera, Lorenzo Fontana, perché si attivi per tutelare la dignità dell’istituzione che presiede, evitando la presenza dell’ex leader di Forza Nuova Giuliano Castellino a una conferenza nella sala stampa della Camera. E’ inaccettabile che Castellino, che tra l’altro figura tra gli assalitori alla sede della Cgil, possa essere ospitato in una prestigiosa sede istituzionale”.

La precisazione di Montecitorio

“In riferimento alla conferenza stampa convocata per oggi, mercoledì 16 novembre, su richiesta del deputato Francesco Gallo, la Presidenza della Camera dei deputati chiarisce che la responsabilità del merito delle iniziative che si tengono all’interno della Camera, comprese le conferenze stampa, è unicamente del deputato che promuove le iniziative stesse, a cui è rimessa ogni valutazione sul piano dell’opportunità delle iniziative”. Lo riferiscono fonti di Montecitorio.


Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.