haiti,-fondazione-rava:-“serve-ossigeno-per-malati-covid”

Haiti, Fondazione Rava: “Serve ossigeno per malati covid”

08 luglio 2021 | 21.31

LETTURA: 2 minuti

L’appello di padre Rick che gestisce due ospedali. Medici e infermieri senza cambio turno dopo uccisione presidente Moise.

alternate text
Ospedale della Fondazione Rava ad Haiti

“Mi sento mezza haitiana, per Haiti chiedo preghiere e l’attenzione della stampa, abbiamo rivolto un appello al Papa”, ma a livello pratico serve soprattutto ossigeno per i malati di covid. A parlare così con l’Adnkronos è Maria Vittoria Rava, della Fondazione Francesca Rava che dal 1987 opera ad Haiti, dove gestisce due ospedali.

Rava si trova in Italia e dopo, l’assassinio del presidente Moise, ha sentito il personale della Fondazione sul posto, tutti haitiani secondo la filosofia dell’organizzazione che punta all’empowerment della popolazione locale “Sono tutti spaventati, sono preoccupati” – racconta – “i medici e gli infermieri che erano di servizio sono rimasti bloccati in ospedale, chi doveva dar loro il cambio è bloccato in casa, le strade sono vuote non si può andare in giro, stanno organizzando di andarli a prendere perché hanno molta paura di uscire”.

La notizia dell’uccisione di Moise, “che ci ha sconvolto”, è arrivata mentre la Fondazione stava lavorando per raccogliere l’appello di padre Rick Frechette per l’urgente invio di bombole di ossigeno per i malati di covid, spiega Rava. Sacerdote e medico in prima linea, padre Rick sovrintende i due ospedali della fondazione, Saint Damien e Saint Luc, uno dei quali pediatrico. Ora è arrivata una nuova ondata di contagi di coronavirus e gli ospedali si sono dovuti attrezzare con posti covid.

“Abbiamo dovuto ampliare il centro Covid-19 all’ospedale St Luc da 8 a 65 posti letto”, ha raccontato il sacerdote, citato in un comunicato della Fondazione per la raccolta di fondi tramite l’indirizzo web WWW.DONA.NPH-ITALIA.ORG.

“Da aprile a giugno del 2020, avevamo 120 letti funzionanti. Successivamente il contagio è diminuito. Ora la grave ripresa con 65 posti letto e prevediamo che presto ne saranno necessari 120. Il Ministero della Salute haitiano ha annunciato varianti dalla regione amazzonica del Brasile e dal Regno Unito. Il Covid-19 aumenta, mentre stiamo già affrontando le piaghe della crisi politica, la povertà stridente in corso, la criminalità e i rapimenti”, conclude Padre Rick.

Tag

Vedi anche

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *