fortza-paris-scarica-lutzu:-«niente-bis»

Fortza Paris scarica Lutzu: «Niente bis»

ORISTANO. Anche l’assenza di coperture e assistenza per le persone che attendono sotto il sole l’ingresso al Palazzetto per i vaccini può diventare momento di polemica politica, soprattutto se a scatenarla è il più importante, e sicuro, sinora, alleato del sindaco Lutzu: Fortza paris. Mauro Solinas, coordinatore cittadino di Fortza Paris parte dall’evidente disagio sofferto da tanti oristanesi per rifilare una bordata di accuse al sindaco. «Una situazione del genere con decine di anziani lasciati soli al caldo è inaccettabile». I disagi si erano già registrati lunedì, con un ritardo di qualche ora durante la mattinata poi smaltito nel pomeriggio: a quel punto l’attesa era di meno di un’ora, passata all’interno dei cancelli, seduti sotto i gazebo. Il problema è per chi sta fuori, e se lunedì l’attesa era alleviata dal maestrale, ieri in tarda mattinata il termometro ha superato i 30 gradi. «Credo si debba cambiare organizzazione, dando gli appuntamenti in maniera tale da non creare assembramenti. Non è possibile vedere tutte le persone assiepate per godere della poca ombra offerta dall’unico gazebo piazzato all’esterno». C’è un solo gazebo in corrispondenza del cancello, per il resto la fila va fatta sotto il sole battente, anche se a 50 metri c’è un po’ di ombra fornita dal filare di eucalipti che costeggia il marciapiede, troppo lontana dal check in per consentire alle persone di mettersi in fila lì. «Io ho avvisato immediatamente il sindaco Lutzu perché è il Comune che organizza lo spazio esterno e deve assolutamente intervenire per risolvere questa situazione vergognosa, di cui peraltro è già a conoscenza. Gli utenti del centro devono già fare una lunga camminata per arrivare, poi dovrebbero anche aspettare sotto il sole? La mia è prima di tutto la segnalazione di un cittadino e non quella di un esponente di un partito» prova a correggersi Solinas, ma la situazione di tensione fra Fortza Paris e il sindaco ormai è evidente. I primi segnali si erano già visti in passato, ma la proverbiale goccia è stata la nomina di Nando Faedda alla presidenza del Consorzio Industriale, con il voto decisivo espresso proprio da Andrea Lutzu. L’incarico, stando agli accordi pre-elettorali del 2017, sarebbe spettato a Fortza Paris, che aveva rinunciato alla scelta del candidato sindaco. Interpellato sul tema, Solinas risponde: «Sulla nomina al Consorzio non posso dire nulla, dato che non c’è stato alcun passaggio politico all’interno del tavolo di coalizione». La strategia di Lutzu proprio non gli è andata giù: «È stato un comportamento gravissimo, Lutzu non ha agito da sindaco ma da privato cittadino». Per ora nessun terremoto. «Abbiamo sottoscritto un patto di legislatura e vi terremo fede, ma questa mossa rende impossibile il nostro sostegno alla ricandidatura del primo cittadino».

Davide Pinna

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *