elly-schlein-e-la-“stella-nascente-della-sinistra-italiana”:-l’incoronazione-del-guardian-–-il-riformista

Elly Schlein è la “stella nascente della sinistra italiana”: l’incoronazione del Guardian – Il Riformista

La vicepresidente dell’Emilia Romagna

Antonio Lamorte — 20 Settembre 2022

Elly Schlein è la “stella nascente della sinistra italiana”: l’incoronazione del Guardian

Il quotidiano britannico Guardian ha definito Elly Schlein la “stella nascente dell’alleanza della sinistra italiana”. Pronta a “combattere fino all’ultimo giorno” per provare a respingere quello che dopo le elezioni di domenica prossima 25 settembre potrebbe diventare il primo governo di estrema destra in Italia dopo la seconda guerra mondiale. “Abbiamo motivi per cui essere preoccupati”, ha detto.

Schlein ha 37 anni. È nata a Lugano, figlia di un politologo statunitense e di una docente italiana. Si è dichiarata apertamente bisessuale. È stata eurodeputata nelle liste del Partito Democratico prima di passare a Possibile fino al giugno 2019. È vicepresidente della Regione Emilia Romagna. Sta correndo alle come candidata nelle liste della coalizione di centrosinistra. Anche dal Guardian è stata paragonata alla parlamentare statunitense Alexandria Ocasio Cortez, considerata il volto della nuova sinistra. Era già successo.

“Stiamo cercando di parlare con il 40% degli elettori indecisi, poiché la maggior parte di loro non ha ancora deciso se e per chi voteranno il 25 settembre”, ha affermato al quotidiano Schlein. “Dobbiamo cercare di riconquistare la fiducia. È difficile perché io stesso faccio parte di una generazione che ha avuto un rapporto complicato con la politica perché non ci sentivamo rappresentati”.

Lei che aveva abbandonato il Partito Democratico in dissenso con la linea dell’allora (2015) segretario Matteo Renzi, è candidata nel collegio plurinominale Emilia Romagna 02 come capolista della lista Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista. Ha dichiarato che la sinistra ha passato l’ultimo anno a riconnettersi “con quei mondi con cui aveva sofferto delle fratture nell’ultimo decennio. Parlo di sindacati, lavoratori, scuole, insegnanti, attivisti, migranti … e finalmente abbiamo il programma più progressista che il PD abbia mai presentato”.

Al momento è assessore di iniziative al Welfare e al patto per il clima per l’Emilia Romagna. La comunità internazionale ha motivo di preoccuparsi, ha detto, per la prospettiva di un governo con due partiti le cui posizioni sarebbero molto in sintonia con quelle del leader ungherese, Viktor Orbán. “Il modello di questa coalizione è la democrazia illiberale di Orbán”, ha spiegato. “Abbiamo motivi per cui preoccuparci, perché le loro idee non danno soluzioni ai problemi concreti dei più poveri d’Italia. Sono bravi solo a puntare il dito ogni giorno contro un capro espiatorio, una strategia molto antica che ha portato solo brutte cose al continente europeo. Quindi combatteremo fino all’ultimo giorno per cercare di vincere questa battaglia“.

Giornalista professionista. Ha frequentato studiato e si è laureato in lingue. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Ha collaborato con l’agenzia di stampa AdnKronos. Ha scritto di sport, cultura, spettacoli.

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.