calvin-klein,-10-curiosita-sul-designer-che-sussurrava-alla-sensualita-(e-che-oggi-compie-80-anni)

Calvin Klein, 10 curiosità sul designer che sussurrava alla sensualità (e che oggi compie 80 anni)

Nel 1985 in tutti i cinema del mondo arriva un film destinato a diventare leggenda, Ritorno al futuro. In una scena il protagonista Marty McFly/Michael J. Fox indossa un paio di boxer con un nome in bella mostra sull’elastico: Calvin Klein. Peccato che al tempo, in Italia, nessuno sapesse che appartenesse a un rivoluzionario designer americano, tanto che il doppiaggio nel nostro Paese lo sostituì, come sappiamo, con il più popolare Levi Strauss.

All’epoca, invece Calvin Richard Klein aveva già soffiato su oltre 40 candeline, nato il 19 novembre del 1942 nel Bronx da una famiglia di origine ungherese. Sua nonna era una sarta, ed è così che è cominciato il suo amore per il cucito. Oggi che di anni ne compie ben 80, il creativo è indubbiamente tra i nomi del fashion system più conosciuto a livello planetario.

La sua è la classica storia del self made man americano: dal nulla ha creato un impero e dato persino un’impronta alla storia degli Stati Uniti che va al di là della moda. Perché l’influenza delle sue visioni è stata così profonda che sembra quasi averla plasmata a sua immagine e somiglianza.

SCORRI L’ARTICOLO FINO IN FONDO PER SCOPRIRE 10 CURIOSITÀ CHE FORSE NON CONOSCI SU CALVIN KLEIN.

Quella che era cominciata come un’avventura come un’altra (due giovani newyorkesi, Calvin Klein e l’amico d’infanzia Barry K. Schwartz, fondano nel 1967, con un capitale di 10mila dollari, la Calvin Klein Limited di cui Klein ha la direzione artistica mentre Schwartz gestisce il lato finanziario) è diventata nel giro di pochi anni qualcosa che ha stravolto il mondo.

In che modo? La risposta non sta né nei jeans, il capo che ha consacrato Klein al mondo attraverso uno scandalo (mente chi non ricorda la pubblicità con una giovanissima Brooke Shields con denim pant e la frase: «Cosa c’è tra me e i miei Calvins? Niente» ), né nella rivoluzione della biancheria intima da uomo e da donna, né nei profumi oggi cult (tra tutti Obsession, Eternity, CK One) che Calvin Klein ha firmato nel corso della sua carriera e di cui sembra quasi avvertire la fragranza solo a parlarne. Immaginazione ed intuizioni, le sue, capaci di rompere codici culturali che oggi appaiono sorpassati ma che allora rappresentavano argomenti tabù inviolabili. Queste le armi con cui un ragazzo visionario from the block ha cambiato le regole prima in America, poi in Europa.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.