berrettini-nella-storia:-e-in-finale-a-wimbledon

Berrettini nella storia: è in finale a Wimbledon

Berrettini nella storia: è in finale a Wimbledon

Sfoglia gallery

Impresa storica del tennista, primo italiano di sempre a centrare la finale del più prestigioso torneo del mondo. Ha battuto il polacco Hurkacz in quattro set: 6-3, 6-0, 6-7, 6-4. Il talento e la tenacia: i segreti di un trionfo epocale. Domenica l’ultimo atto alle 14.30

L’impresa è epocale. Matteo Berrettini è nella storia dello sport italiano. Ha conquistato la finale a Wimbledon, battendo il polacco Hubert Hurkacz. Il risultato finale è una sentenza stampata nella pietra. 6-3, 6-0, 6-7, 6-4. Decisiva un’impennata di orgoglio e di classe, uno scatto definitivo sul filo del traguardo, dopo aver ceduto all’avversario il terzo set. Un momento di défaillance, subito riscattato da una reazione aggressiva.

Nei quattro set Matteo ha giocato un tennis sempre consapevole, tra servizi micidiali e ricami sottorete e anche nei momenti più delicati ha saputo trovare dentro di sé le energie per risalire.

E’ stata questa la sua forza. E’ stato questo il piedistallo sopra cui ha costruito la partita più clamorosa della sua carriera.

Berrettini è il primo italiano a raggiungere la finale nella storia del torneo. Al centre Court di Wimbledon il romano ha vissuto la sua giornata di gloria, trovando la definitiva consacrazione a livello planetario. Nessuno l’avrebbe immaginato capace di spingersi così in alto. Berrettini ha stupito tutti.

Il talento, nel tennis, non basta. Serve la costanza, la tenacia, la cultura del lavoro: sono queste le caratteristiche del nostro miglior tennista del momento, ormai pronto a salire al livello di Nicola Pietrangeli, che a Wimbledon nel 1960 si fermò in semifinale, e Adriano Panatta, i due fuoriclasse-modello del tennis in Italia. Alla fine è stata grande l’esultanza dello staff del 25enne romano, ed enorme soddisfazione del presidente della Federazione Italiana Tennis, Angelo Binaghi.

Berrettini che va a giocarsi Wimbledon è la conferma del magico momento del tennis italiano, che ha portato 10 azzurri trai primi 100 del ranking Atp. La finale risarcisce Berrettini di tutti i sacrifici fatti in questo anno e mezzo, passato a rialzarsi dopo un infortunio, tra le costrizioni del lockdown e la difficoltà di trovare un equilibrio. Ma Matteo ce l’ha fatta. E ha chiuso con due prime vincenti.

In finale – primo italiano dopo 134 anni di Wimbledon – Berrettini affronterà domenica alle 14.30 il vincente della sfida tra Djokovic e Shapovalov. Con l’accesso alla finale Berrettini diventa il numero 7 del ranking Atp. Dopo questa semifinale così emozionante e usta prova di maturità, tutto è davvero possibile.

LEGGI ANCHE

Matteo Berrettini, tennis e amore con la fidanzata Ajla Tomljanovic

LEGGI ANCHE

Berrettini in semifinale a Wimbledon: sognare si può

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *