autista-guarda-la-lazio-mentre-guida,-“ogni-goal-una-frenata”-l'azienda-lo-sospende-–-area-c

Autista guarda la Lazio mentre guida, “Ogni goal una frenata” l'azienda lo sospende – Area C

Un autista era alla guida con un occhio al traffico e l’altro alla partita della Lazio. Nel giorno del pasticcio della stazione Cornelia e dell’inizio della settimana europea della mobilità sostenibile, Atac si ritrova a dover punire ancora uno dei suoi autisti: sospensione dallo stipendio e dal ruolo. Lo scatto ripreso da una persona all’interno del mezzo vede il conducente, ripreso di spalle con le mani piazzate sul volante, ma, attaccato al finestrino, spunta una staffa porta-cellulare. Sullo schermo si vede l’entrata in campo dei biancocelesti, impegnati in Europa League nella sventuratissima trasferta contro i danesi del Midtjylland (persa poi 5-1). Gli ispettori di Atac si sono subito messi in contatto con il passeggero che ha scattato la foto e hanno preso il numero della linea del bus (la 881, quella che da corso Vittorio Emanuele, in pieno centro storico, arriva fino alla Pisana) e della vettura. Per individuare il conducente-tifoso è bastato un attimo. «Guidava e ogni tanto si faceva cascare l’occhio sul cellulare per seguire la partita. La foto l’abbiamo scattata all’altezza di via Gregorio VII», hanno raccontato i passeggeri agli 007 di Atac. Aggiungendo il dettaglio di alcune brusche frenate in corrispondenza degli eventi più rilevanti del match. Una testimonianza sufficiente a chiudere il caso: via alla punizione, ora toccherà all’autista difendersi davvanti alla commissione disciplinare dell’azienda di via Prenestina. Come, visto lo scatto, non è dato sapere. Il caso dell’autista – sospeso con la beffa di aver pure visto la sua squadra perdere – non è l’unico ad aver tenuti impegnati i manager della municipalizzata dei trasporti. Nel quartier generale di via Prenestina, nelle ultime ore, si è fatto anche un gran parlare dell’autista che si è addormentato alla guida con il bus pieno di passeggeri. Anche quel conducente è stato sospeso. «Può succede», si giustificava. Non secondo Atac. ilmessaggero.it

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.